Cosa sono i superfood?

Il primo elemento su cui si deve far chiarezza quando si parla di superfood, è certamente la definizione perchè ad oggi, non esistono descrizioni univoche per questi alimenti di origine vegetale dalle più o meno comprovate proprietà salutistiche. Il termine superfood inizia ad apparire all’inizio del ventesimo secolo, ma ha acquisito popolarità solo negli ultimi anni, diventando una parola di moda.

Ma cosa si intende esattamente per superfood?
I superfood sono alimenti a densa concentrazione di principi nutritivi utili a salvaguardare lo stato di benessere e prevenire alcune patologie o disturbi di salute di natura cronica.
Per alcuni di loro, gli studi in laboratorio o su campione, hanno permesso di verificarne anche l’utilità nel trattamento di specifiche patologie o di supporto nel trattamento di paziente oncologici o di altra natura.

La loro popolarità si è intensificata attraverso la diffusione mediatica digitale che ha  portato ad effettuare sempre più ricerche in materia di salute e benessere, provocando allo stesso tempo, il moltiplicarsi di fake news sul tema dei superfood.

E' quindi molto difficile districarsi nella giungla delle informazioni, distinguendo appunto falsi miti e realtà accreditate. Anche la terminologia a volte può confondere: si  associano ad esempio i superfood agli alimenti funzionali, proprio perché gli attivi e i nutrienti contenuti in questi cibi, sono funzionali ad un organo o apparato. Ma quello che dobbiamo tenere a mente è che, nonostante il termine inglese possa creare confusione, i superfood fanno parte della grande famiglia degli alimenti funzionali.

Nel 2017 è stata finalmente stilata una prima lista di superfood verificati sui quali si sono compiuti studi medici affidabili. 

Abbiamo scelto i 3 superfood più famosi dei 17 ufficialmente riconosciuti, per scoprirne insieme le qualità tra principi attivi, fake news e proprietà verificate.
 

Broccoli, cavolfiori e tutta la famiglia delle Brassicacee

Principio attivo: sulfurano
E’ ricco di: Sali minerali, vitamina C, vitamina b1 e b2, fibra alimentare
Testato per: la sua attività inibitoria nei confronti della crescita delle cellule cancerogene, nella protezione contro i tumori intestinali.
Elementi contenuti: calcio, ferro, fosforo e potassio
Proprietà verificate: l’azione antitumorale della famiglia delle brassicacee che avviene proprio durante il processo digestivo quando i batteri intestinali trasformano i glucosinolati in composti chiamati isotiocianati, che hanno effetti protettivi contro alcuni tumori. (fonte Nature)
Fake news: le brassicacee sono utili per la prevenzione e la cura di tutte le forme tumorali.

Da ricordare: il solo utilizzo degli alimenti seppur funzionali non possono curare le patologie oncologiche
 

Spirulina (Arthrospira platensis)

Inserita tra i super alimenti, erroneamente definita alga, è un ciano batterio.
 
Principio attivo: spirulina
E’ ricco di: proteine (con amminoacidi essenziali) Omega 6, Omega 3, e acido gamma linolenico Fibre mg 3,6 Riboflavina (mg) 3,7 Tiamina
Testato per: protezione contro i radicali liberi e le vene varicose, capacità di favorire il dimagrimento,patologie neurodegenerative e l’invecchiamento cutaneo
Elementi contenuti: Ferro Rame Manganese Magnesio
Proprietà verificate: protezione contro i radicali liberi e le vene varicose. In più favoriscono il dimagrimento, soprattutto agendo sulla diminuzione della fame nervosa
Fake news: la spirulina fornisce quantità di B12 biodisponibile per vegani

Le origini della spirulina sono molto antiche, addirittura gli Aztechi ne facevano uso nella dieta, nel mondo occidentale la sua popolarità invece sembra essere contemporanea alla decisione della NASA di utilizzare l’alga come alimento per gli astronauti.
Possiamo quindi definire la spirulina un superfood, grazie alla densità dei nutrienti, una fonte preziosissima di apporto proteico con amminoacidi completi, un ottimo blend multivitaminico e di minerali e un’ottima fonte di approvvigionamento di ferro.
 

Reishi (Ganodherma Lucidum)

In Giappone Reishi è il fungo detto dell’immortalità. La micoterapia, ovvero la branca della fitoterapia che utilizza i funghi come medicamento, è ormai ufficialmente riconosciuta e utilizzata anche nel coadiuvare le cure oncologiche o di prevenzione.

Principio attivo: l'acido lucidenico, l'acido genolucido e l'acido ganodermico.
E’ ricco di: vitamine del gruppo B ed in particolare la presenza di una sostanze quali la riboflavina, la niacina, la biotina e l'acido folico, alta presenza di betaglucani dall’alto potere immunostimolante. Contiene inoltre steroli come precursori ormonali, sostanze dalle proprietà anti-staminiche e adenosina.
Testato per: antinfiammatorio e analgesico antiossidante antitumorale (grazie alla presenza di germanio) adattogeno ed ipertensivo
Elementi contenuti:  ferro, calcio, potassio, magnesio, rame, manganese.
Proprietà verificate: nel trattamento dell’ herpes simplex, nell'influenza e nelle micosi provocate dalla Candida Albicans come antinfiammatorio, antiossidante e antistaminico.
Fake news: nonostante sia definito il fungo dell’immortalità la sua azione deve essere sempre coadiuvata da un corretto stile di vita e da un’alimentazione sana e completa.

La cosa certa è che per godere di buona salute e fare una prevenzione attiva è necessario compiere più azioni in sinergia. L’essere umano non va considerato come un insieme di organi ed apparati, ma in modo più ampio, come la versione olistica (dal greco  olos= insieme) propone.

Dai broccoli alle bacche di Goji, dall’aglio al Reishi, la cosa che possiamo constatare è che questi alimenti, definiti superfood hanno tutti proprietà benefiche, ma ciò che è necessario specificare è che non tutti hanno attività anti tumorale confermate e convalidate con esperimenti scientifici.

Concludendo possiamo definire i superfood come alimenti importanti all’interno di un’alimentazione funzionale di prevenzione e a supporto di uno stile di vita sano.

Il solo utilizzo dei superfood non giustifica l’eliminazione completa di un farmaco, né tantomeno deve essere inteso come la panacea di tutti i disturbi, ma può avere un ruolo efficace nel fare una costante prevenzione attiva e nel trattare piccoli disturbi o patologie croniche o, infine, come coadiuvante all’interno di uno scenario terapeutico più ampio.
 
RESTA INFORMATO.
Una corretta e costante informazione è alla base di ogni cura. Ricevi i nostri aggiornamenti via email!

News correlate

Una corretta e costante informazione è alla base di ogni cura.
Ricevi tutti gli aggiornamenti via email.

Iscriviti alla Newsletter

La rivista online

GVM Magazine
Salute e Benessere: Il tuo appuntamento con l'informazione medico scientifica.
Scarica la rivista