Il Resto del Carlino - Ravenna - Il piccolo Asil a Lugo per riaccendere la speranza

Domenica è stato visitato al Maria Cecilia Hospital dallo specialista che lo prenderà in cura

Lugo (Ravenna), 28 novembre 2011 - ERANO le 22,30 di sabato sera quando il piccolo Asil ha raggiunto a bordo dell’ambulanza concessa dal corpo militare della Croce rossa italiana la casa di accoglienza della frazione lughese di Zagonara. Lì resterà fino al ricovero al Maria Cecilia Hospital di Cotignola previsto per domani.

L’arrivo del bambino afgano di appena sei anni, affetto da una angiodistrofia congenita che ha colpito braccio destro e torace era previsto per la prima mattinata di ieri. La visita del Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Giuseppe Valotto, al contingente militare italiano di Herat ha permesso di anticipare la partenza di Asil che ha raggiunto l’aeroporto di Ciampino con un volo diretto in compagnia dello zio, il trentottenne Ahrari Khalil Ahmad.

«Qualche settimana fa il Gruppo Villa Maria Cecilia ci ha chiesto se potevamo garantire ad entrambi l’alloggio» spiega Alberto Pezzi, ingegnere lughese che da cinque anni dirige tramite l’associazione Famiglie per l’accoglienza la casa di Zagonara che offre supporto ai parenti dei ricoverati nella struttura ospedaliera allo scopo di non far pesare solitudine e distanza dalle famiglie di origine. «Immediatamente — racconta — ci siamo organizzati per offrire un supporto logistico trasversale come procurare, ad esempio, un interprete dopo aver saputo che la persona individuata allo scopo non era potuta partire da Herat insieme al piccolo e allo zio».

La difficoltà è stata superata grazie alla collaborazione offerta da Roberto Faccani, comandante del corpo intercomunale di Polizia Municipale che ha accolto l’arrivo degli ospiti utilizzando le conoscenze della lingua farsi accumulate in anni di interventi umanitari in Afghanistan ed ha procurato, per tutta la giornata di ieri, l’aiuto di Alì, ventiseienne afgano, che da quattro anni vive a Ravenna dove svolge l’attività di elettricista. «All’arrivo Asil era spaventato — racconta Pezzi. — Appena si sono aperte le porte dell’ambulanza è scoppiato a piangere». La tensione della prima nottata si è stemperata nella giornata di ieri a partire dall’incontro con Tiziano Curti, specialista vascolare che seguirà il piccolo. «Il medico è arrivato da Bologna appositamente per conoscere il bambino prima di visitarlo e partire con il percorso di cura» continua Pezzi. Curti è sceso dall’auto con un pacco pieno di doni per Asil. «Con l’aiuto di Alì abbiamo convinto il piccolo ad aprirlo subito. Quando sono spuntate le caramelle ed il gioco con le figure di animali, gli occhi di Asil hanno iniziato nuovamente ad illuminarsi. E’ stato un momento commovente». Asil ha poi incontrato Nazifa la bimba afgana di dieci anni, da tre ospite della famiglia del comandante Faccani a Bagnacavallo. La prima giornata di permanenza in Italia è proseguita con la visita di Lugo e l’incontro nel pomeriggio con altri bambini.

Ora il piccolo Asil le cui condizioni, diagnosticate come gravi dal colonnello medico dell’aeronatica militare Natale Ceccarelli durante la visita effettuata nel posto di medicazione della base di Camp Arena a Herat, hanno reso necessario il trasferimento in Italia grazie all’intervento del Comando del contingente militare italiano, su base Brigata Sassari, e alla collaborazione del gruppo Gvm Care&Research che si farà carico delle spese di cura e degenza al quale, personalmente, il comandante Faccani rivolge i più sentiti ringraziamenti. L’operazione di solidarietà è stata seguita direttamente, oltre allo staff del comando del contingente italiano, dalla cellula Cimic e dal tenente medico del corpo della Croce rossa, Giorgio Alagna.

di MONIA SAVIOLI

www.gvmnet.it
RESTA INFORMATO.
Una corretta e costante informazione è alla base di ogni cura. Ricevi i nostri aggiornamenti via email!
Una corretta e costante informazione è alla base di ogni cura.
Ricevi tutti gli aggiornamenti via email.

Iscriviti alla Newsletter

La rivista online

GVM Magazine
Salute e Benessere: Il tuo appuntamento con l'informazione medico scientifica.
Scarica la rivista

IL GRUPPO OSPEDALIERO ITALIANO

Ospedali di Alta Specialità, Polispecialistici e Poliambulatori con Day surgery.

Le strutture sanitarie di GVM Care & Research accreditate con il Servizio Sanitario Nazionale e convenzionate con Fondi Sanitari Integrativi, Casse Mutue e Assicurazioni Sanitarie, sono presenti in 10 regioni italiane.

Visita gli ospedali su GVMnet