Il ruolo dell'anestesista rianimatore, dentro e fuori la sala operatoria

Erroneamente si pensa che il ruolo dell’anestesista rianimatore si esaurisca con la somministrazione della dose di farmaco necessario per indurre l'anesia generale all'inizio dell'intervento chirurgico. In realtà il medico anestesista rianimatore si prende carico del paziente in tutta la fase peri- operatoria che comprende cioè la gestione dei periodi pre- intra e post-operatori. Una figura chiave per la sicurezza e il benessere dei pazienti prima, durante e dopo l’intervento in sala operatoria, ma anche per la gestione di dolori intensi causati da patologie o traumi e del dolore cronico e nei reparti di terapia intensiva.
 

Anestesista rianimatore: il ruolo negli interventi chirurgici

In caso di intervento chirurgico, gli anestesisti rianimatori si occupano dei pazienti durante tutto il percorso in ospedale.
  • Prima dell’intervento si valuta, attraverso un'attenta anamnesi ed appofondito esame obiettivo , avvalendosi di esami laboratoristici e strumentali, lo stato clinico del paziente e si definisce la classe di rischio del paziente in considerazione delle comorbilità dello stesso e della complessità deil’ intervento chirurgico a cui deve essere sottoposto. 
  • Durante l’intervento compito dell’ anestesista è quello di mantenere la stabilità dei parametri vitali attraverso una corretta ventilazione meccanica ,mediante l’utilizzo di farmaci che regolano la profondità dell’ anestesia ed altri invece che garantiscono la stabilità emodinamica del paziente durante la procedura chirurgica.
  • Dopo l’intervento ruolo dell’ anestesista è quello di garantire un adeguato risveglio del paziente, mantenendo la stabilità dei parametri vitali e provvedendo a somministrare  un’ appropriata terapia antalgica.

Tipi di anestesia

Questo specialista, in base al caso, somministra:
  • l’anestesia generale che prevede, attraverso l’ utilizzo di farmaci somministati per via endovenosa e/o inalatoria, la perdita dello stato di coscienza;
  • l’anestesia regionale : essenzialmente si fa riferimento all’anestesia sub-aracnoidea , peridurale e l’anestesia dei blocchi nervosi periferici;  con tali tecniche durante l’ intervento chirurgico il paziente è perfettamente cosciente e collaborante in quanto viene interessata dall’anestesia  esclusivamente la parte del corpo sottoposta ad intervento chirurgico. La branca chirurgica che si avvale principalmente dell’ anestesia loco-regional è rappresentata dall’ ortopedia.

La terapia del dolore

L’anestesista rianimatore ricopre un ruolo centrale nella gestione e nella terapia del dolore. L’ambulatorio di terapia del dolore lavora, in ottica multidisciplinare coordinando altre figure (ortopedico, neurochirurgo, fisiatra, oncologo)  per garantire la migliore qualità di vita al paziente trattando il dolore derivante da patologie accertate. Le patologie trattate più frequentemente sono di natura oncologica, cui si affiancano mal di schiena, cefalee, neuropatie periferiche, fibromialgia, dolore pelvico cronico.

Gli anestesisti rianimatori e la terapia intensiva

L’ anestesista rianimatore rappresenta la figura principale dei reparti di Rianimazione e Terapie Intensive post-operatorie e si occupa della gestione di pazienti "critici" che a seguito di interventi chirurgici particolarmente complessi o a seguito di gravi patologie, versano in condizioni ad elevato rischio di vita.

Il percorso di studi dell’anestesista

Dopo aver conseguito la Laurea magistrale in Medicina e Chirurgia (della durata di 6 anni), per diventare anestesista rianimatore è necessario completare il percorso di studi universitari presso la Scuola di Specializzazione in Anestesia e Rianimazione e Terapia del Dolore (della durata di 5 anni).
 
RESTA INFORMATO.
Una corretta e costante informazione è alla base di ogni cura. Ricevi i nostri aggiornamenti via email!
Revisione medica a cura di: Dott. Marcello Melone
Una corretta e costante informazione è alla base di ogni cura.
Ricevi tutti gli aggiornamenti via email.

Iscriviti alla Newsletter

Il magazine online

GVM Magazine
Progetta la salute
Scarica GVM News