Vitamina E, l'antiossidante amica del cuore

La vitamina E o tocoferolo è un potente antiossidante, benefico per cuore, sistema immunitario e pelle, che contribuisce al mantenimento dell’integrità delle cellule e ne favorisce il rinnovamento. E’ una vitamina liposolubile e non deve essere assunta quotidianamente con l’alimentazione in quanto viene immagazzinata nel fegato e nel tessuto adiposo e utilizzata secondo necessità dall’organismo.

Ottime fonti di vitamina E sono gli alimenti crudi, la cottura, la congelazione e la lavorazione del cibo, infatti, tende a disperderne il contenuto vitaminico. 

Il fabbisogno giornaliero è compreso tra gli 8 e i 10 mg.

Con l'aiuto della Dott.ssa Sara Piazza, Dietologa a Ravenna Medical Center abbiamo approfondito questa vitamina. 

A cosa serve

La vitamina E ha le seguenti proprietà: 
  • antiossidante, contrasta l’effetto dannoso dei radicali liberi e di conseguenza l’invecchiamento cellulare
  • contrasta l’insorgenza di patologie cardiovascolari, perché previene l’ossidazione del colesterolo cattivo (LDL), che non si accumula sulle pareti delle arterie, indurendole e persino occludendole. 
  • riduce i processi di aggregazione delle piastrine diminuendo il rischio di sviluppare emboli, placche e trombi nelle arterie 
  • protegge le cellule nervose dallo stress ossidativo prevenendo l’insorgenza di patologie degenerative quali l’Alzheimer e ritardando il declino cognitivo
  • aiuta a contrastare le affezioni della pelle, come eczema e acne, facilita la guarigione di cicatrici, ustioni e ferite
  • protegge dai danni dell’inquinamento, dal fumo di sigaretta, da tossine alimentari e raggi UV
  • rafforza le difese immunitarie quindi è immunostimolante
  • aiuta a ritardare lo sviluppo del diabete di tipo 2 perché migliora la sensibilità all'insulina riducendo lo stress ossidativo e favorendo la funzionalità del fegato. 
  • protegge e favorisce la funzionalità ovarica, aumentando la fertilità femminile 

Dove si trova

Le principali fonti di vitamina E sono: l’Olio d’oliva extravergine che ne contiene una percentuale maggiore, l’Olio di semi di girasole, sesamo, mais, arachidi, germe di grano, vinacciolo, soia non raffinati, frutta secca e cereali integrali. E’ presente anche negli ortaggi come pomodori, broccoli, cime di rapa e spinaci, nell’avocado, nel fegato, nel tuorlo d’uovo, nel latte e nei suoi derivati.

Carenza: che cosa provoca 

Difficilmente si riscontrano carenze di Vitamina E perché è possibile reperirla in moltissimi alimenti. Eventuali deficit possono essere dovuti a diete ferree a basso contenuto di grassi (ipocaloriche), malnutrizione, disfunzioni del metabolismo, malassorbimento intestinale, patologie gastroenteriche e del fegato. Un’eventuale carenza si manifesta con
  • disturbi a carico del sistema nervoso
  • problemi muscolari, intorpidimento degli arti, spossatezza, formicolii e disturbi neurologici
  • difficoltà di concentrazione
  • disturbi della vista, degenerazione maculare della retina e rischio di sviluppare la cataratta 
  • anomalie nella crescita e nello sviluppo nei bambini quali rallentamento dei riflessi, difficoltà nel camminare, debolezza muscolare, nei neonati prematuri può provocare la retinopatia da prematurità (crescita anomala dei vasi sanguigni della retina.)
  • difetti nella coagulazione
In caso di una marcata carenza si può ricorrere a integratori, tuttavia prima di assumere qualsiasi supplemento alimentare è importante consultare il medico

Eccesso: che cosa provoca

L’eccesso di vitamina E è raro. Se assunta in dosi elevate può provocare un aumento della pressione sanguigna, condizione rischiosa per le persone che soffrono di ipertensione, può ostacolare la guarigione delle ustioni e la cicatrizzazione delle lesioni cutanee. Si possono manifestare anche problemi alla pelle, alla coagulazione del sangue, debolezza muscolare, stanchezza, disturbi digestivi, nausea e vomito. Un iperdosaggio di questa vitamina può causare anche una riduzione degli ormoni della tiroide.

Un’alleata contro le patologie cardiovascolari

La vitamina E può contribuire a fluidificare il sangue, tonificare i capillari, mantenere i vasi sanguigni puliti e a migliorarne l’elasticità prevenendo la comparsa di coaguli ematici e placche aterosclerotiche che causano trombosi venose o problemi cardiaci. 

Inoltre la vitamina E svolge un ruolo essenziale nell'impedire l'ossidazione del colesterolo LDL, noto anche come colesterolo “cattivo” prevenendo lo sviluppo di patologie cardiovascolari, regola la pressione del sangue e facilita il trasporto di ossigeno da parte dei globuli rossi contrastando la stanchezza. 
RESTA INFORMATO.
Una corretta e costante informazione è alla base di ogni cura. Ricevi i nostri aggiornamenti via email!

News correlate

Una corretta e costante informazione è alla base di ogni cura.
Ricevi tutti gli aggiornamenti via email.

Iscriviti alla Newsletter

La rivista online

GVM Magazine
Salute e Benessere: Il tuo appuntamento con l'informazione medico scientifica.
Scarica la rivista