Cuore, valvola rinnovata senza aprire lo sterno

Nuove tecniche per curare la stenosi dell’aorta. Convalescenza breve e finalmente sparisce il senso di affanno Si chiama stenosi valvolare aortica, sembra un nome difficile e insolito, invece è un inconveniente relativamente frequente negli anni della maturità. Un varco si restringe, meno sangue in circolo, più fatica e fiato corto. L’intervento al cuore per sostituire la valvola malata si rende necessario. Dopo l’intervento la persona torna a vivere una vita piena e appagante. Ma il pensiero di subire un intervento pesante sotto il profilo dell’anestesia e una lunga convalescenza fanno la differenza. In casi opportunamente selezionati tuttavia è possibile operare aprendosi un varco minuscolo tra una costola e l’altra «Sono quelli che definiamo interventi minimamente invasivi — spiega Mauro Del Giglio, cardiochirurgo del Gruppo GVM, 250 casi al suo attivo in questa modalità — si pratica una incisione sulle pelle di soli cinque centimetri. Le fasi dell’intervento, tempi e risultati sono almeno pari alla tecnica classica, che prevede la frattura dello sterno (più di 40 anni di storia) ma il disagio postoperatorio e il danno estetico vengono drasticamente diminuiti». Questa tecnica è ancora poco diffusa, ma in rapida evoluzione. La stenosi valvolare aortica è al momento la più frequente patologia dopo i sessant’anni. Si manifesta con l’affanno. Perché si restringe o si calcifica questo anello? E un fenomeno legato all’età. Su un centinaio di soggetti ultrasessantenni, almeno cinque sviluppano la patologia. E se non si curano corrono gravi rischi per la loro salute.   Diagnosi Il cardiologo si avvede della stenosi ascoltando il cuore e mettendo a fuoco il problema con l’ecografia. E una materia complessa se teniamo presente che alcune valvole possono essere ricostruite, altre collocate in emodinamica senza ricorso a chirurgia. Recentemente si è sviluppato l’approccio di cui parliamo, una incisione di pochi centimetri tra le due costole. L’intervento riporta il cuore in condizioni normali, non deve più sforzarsi. Sono ancora pochi i centri con una casistica numerosa che applicano le tecniche minimamente invasive, ma come dicevamo è una realtà che progredisce in fretta. Lavoro in team e interventi meno invasivi Mauro Del Giglio (nella foto) ha contribuito a introdurre nel Gruppo GVM un approccio innovativo alla cardiochirurgia sviluppando il lavoro di team e utilizzando tecniche di avanguardia come ad esempio la cardiochirurgia mini invasiva. Maria Cediia Hospital a Cotignola, Villa Torri a Bologna e Salus Hospital a Reggio Emilia: sono le tre cardiochirurgie emiliano-romagnole di Gvm, coordinate da Mauro La Marra. Del Giglio, Nasso e Valentini sono i rispettivi responsabili delle strutture citate.
RESTA INFORMATO.
Una corretta e costante informazione è alla base di ogni cura. Ricevi i nostri aggiornamenti via email!

News correlate

Una corretta e costante informazione è alla base di ogni cura.
Ricevi tutti gli aggiornamenti via email.

Iscriviti alla Newsletter

La rivista online

GVM Magazine
Salute e Benessere: Il tuo appuntamento con l'informazione medico scientifica.
Scarica la rivista

IL GRUPPO OSPEDALIERO ITALIANO

Ospedali di Alta Specialità, Polispecialistici e Poliambulatori con Day surgery.

Le strutture sanitarie di GVM Care & Research accreditate con il Servizio Sanitario Nazionale e convenzionate con Fondi Sanitari Integrativi, Casse Mutue e Assicurazioni Sanitarie, sono presenti in 10 regioni italiane.

Visita gli ospedali su GVMnet